Audi, la nuova A8 sarà la prima vettura che va da sola

Audi, la nuova A8 sarà la prima vettura che va da sola
24 maggio 2017 – 11:49

Hans Christian Andersen diceva che il treno è una vettura in cui l’anima ti rincorre, ma ora Audi è pronta a farla tornare al suo posto
Con questo motto il capo ufficio stampa della Casa dei quattro anelli, Massimiliano Lo Bosco, presenta la guida autonoma secondo Audi, una tecnologia che ci permetterà di riappropriarci dell’anima. Stando a bordo di un veicolo che guida da solo noi non andiamo più avanti rispetto al nostro io, ma ci uniamo ad esso. Non dovendo più guidare, abbiamo più tempo per noi stessi, più tempo da dedicare alla crescita della personalità. Non è mero romanticismo, ma il distillato dei vantaggi della guida autonoma, un concentrato di innovazioni che il marchio tedesco sta seguendo a spron battuto.
L’11 luglio verrà presentata l’Audi A8, prima vettura al mondo a raggiungere il livello 3 della guida autonoma, la prima vera automazione a quattro ruote. In questo livello, infatti, la vettura è in grado di guidare da sola, sta a lei accelerare, frenare e cambiare direzione, pur lasciando sempre il controllo al guidatore. I successivi livelli sarebbero il quattro, in cui l’auto fa tutto da sola ma c’è ancora il volante — come il pilota automatico dell’aereo insomma — e il cinque, in cui l’auto è ormai un robot. Chiaramente l’automatismo varrà solo fino a 65 chilometri orari e comunque solo sulle strade compatibili. A ogni modo, con la guida autonoma si aprono altri tre scenari. Il primo è il car sharing: una vettura che si muove da sola può essere condivisa tra più individui in modo intelligente e pianificare automaticamente i percorsi. Così, insomma, la mobilità non diventa solo intelligente, ma anche efficiente, con la vettura che sfrutta al meglio tutti i chilometri che percorrerà e non gira mai a vuoto. Poi ci sono i parcheggi.
Un’auto autonoma, se condivisa, non ha bisogno di parcheggiarsi. Si ferma giusto il tempo per farci scendere e poi continua il proprio percorso
Anche sotto questo punto di vista, dice Lo Bosco, la città diventa più intelligente — non più una lingua di asfalto colma di strisce entro cui fermare vetture che saranno bloccate finché non usciamo dall’ufficio, da casa o da un ristorante ma auto che girano da sole e si fermano solo dove serve. La visione è chiara: una vettura autonoma condivisa ci permetterà di riappropriarci delle strade, di avere ciclabili più grandi, meno parcheggi e più superfici calpestabili.
Da ultimo, ecco il Car to x, vale a dire la comunicazione tra l’auto e le infrastrutture attraverso le linee mobili. Grazie alla connessione, un’auto può comunicare con i semafori per sapere quando sarà verde e così rimodulare la propria velocità per fare in modo da non incontrare mai il rosso lungo il percorso, può conoscere il traffico e i parcheggi disponibili. Se per noi sarà una comodità, per l’autonoma sarà fondamentale e non a caso al Car to x stanno lavorando sia marchi auto come Bmw e Daimler che brand hi-tech come Ericsson, Huawei, Intel, Nokia e Qualcomm, tutti riuniti sotto la 5G Automotive Association.
Dall’autonomia alla propulsione elettrica il passo è breve e sebbene su questo fronte Audi si sia mossa più tardi rispetto ai concorrenti, è già a buon punto. Al momento sul mercato troviamo diversi modelli e-tron, vale a dire ibridi, tra cui spicca sicuramente la Q7, che abbina il propulsore elettrico a quello a gasolio. Nel 2018 poi la casa di Ingolstadt presenterà la sua prima full electric, un aggressivo Suv da 500 chilometri di autonomia di cui abbiamo avuto un assaggio al Salone di Shanghai. La strada elettrica continuerà quindi con tre obiettivi: entro il 2025, racconta Lo Bosco, tutta la gamma sarà elettrificata, cioè dotata di un motore elettrico, di questi modelli un terzo sarà full electric e dal 2020 verrà presentato un nuovo modello elettrico ogni anno. Le aspettative sono alte e l’anima aspetta solo di ricongiungersi all’uomo.
The post Audi, la nuova A8 sarà la prima vettura che va da sola appeared first on Wired.

Fonte: Wired

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi