Samantha Cristoforetti tornerà nello spazio nella primavera del 2022

Samantha Cristoforetti tornerà nello spazio nella primavera del 2022
3 March 2021 – 14:17

Samantha Cristoforetti tornerà nello spazio nella primavera del 2022. La conferma è arrivata poco fa dalla bocca dell’astronauta dell’Agenzia spaziale europea, affiancata in conferenza stampa dal nuovo direttore generale dell’Esa, Josef Aschbacher, e dal presidente dell’Agenzia spaziale italiana, Giorgio Saccoccia.
Che AstroSamantha sarebbe tornata presto in orbita era noto dal novembre 2019, quando l’annuncio di una sua nuova missione culminò il coinvolgimento italiano in tanti programmi approvati dal Consiglio ministeriale dell’Esa (con un finanziamento del nostro Paese di quasi 2,3 miliardi di euro). Adesso è ufficiale qualche dettaglio in più: Cristoforetti, classe 1977 ed ex capitano dell’Aeronautica militare, partirà da Cape Canaveral e raggiungerà la Stazione spaziale internazionale (Iss) con il quarto volo commerciale statunitense, ancora non si sa se a bordo di una Crew Dragon di SpaceX o di Starliner, il nuovo veicolo spaziale di Boeing e Bigelow Aerospace, tuttora in fase di test.
Se al momento di ottenere un nuovo biglietto per lo Spazio, nel novembre di due anni fa, Cistoforetti aveva accolto la notizia “con soddisfazione come astronauta Esa e, soprattutto, come italiana”, oggi la contentezza, pur composta, è anche più evidente: “È un misto di gioia, per quello che i miei colleghi indicano come un ritorno a casa, e di consapevolezza dell’impegno necessario per svolgere al meglio il mio lavoro, una consapevolezza maturata anche grazie alla mia prima missione, Futura”.
Samantha Cristoforetti sulla Iss durante la sua prima missione di lunga durata, “Futura” (foto: Esa)Sulla Iss è previsto che Cristoforetti rimanga per circa sei mesi, un periodo in cui continuerà una serie di esperimenti scientifici dell’Agenzia spaziale italiana, oltre a effettuarne di nuovi. “Una parte del programma sperimentale”, ha detto l’astronauta, “è nell’ultima fase di selezione da parte di Asi. Circa il resto è già possibile segnalare qualche highlight, come il debutto, nel laboratorio Columbus, dell’European Drawer Rack 2, un dimostratore tecnologico che permetterà di testare anche la prima stampante 3d per metalli in orbita, tecnologia che potrebbe risultare cruciale nella futura esplorazione oltre l’orbita bassa. Sempre per la prima volta useremo la piattaforma Bartolomeo, con cui effettueremo esperimenti di osservazione e misurazione degli elettroni nel plasma in alta atmosfera, per capire come interagiscano con i satelliti di navigazione e comunicazione”.
Una relazione cruciale, quella fra gli esperimenti in orbita e l’attività terrestre, ribadita anche dagli esperimenti sulla spirulina per sistemi di supporto alla vita a ciclo chiuso: “è un micro organismo in grado di produrre ossigeno. Un’indagine le cui applicazioni non saranno utili solo a bordo, ma anche per spianare il futuro oltre l’orbita bassa”.
Che la nuova missione spaziale di Samantha Cristoforetti costituisca un tassello nelle attività che a breve si sposteranno sempre più lontano dalla Terra lo hanno ribadito anche Aschbacher e David Parker, direttore dell’Esplorazione umana e robotica dell’Esa: “Scoperta, innovazione e ispirazione, soprattutto per le nuove generazioni: con questi tre obbiettivi lavoriamo nello spazio e sfruttiamo quella che è l’epoca d’oro della Iss. Gli astronauti sono i nostri ambasciatori, mentre la scienza e la ricerca fatte in orbita non possono che spingerci sempre più avanti, verso la Luna e poi nello spazio profondo”.
(foto: Esa/Nasa)Nel frattempo, Cristoforetti continuerà l’addestramento già iniziato da mesi e pensato anche per affrontare il viaggio extra-atmosferico su un veicolo nuovo, qualsiasi esso sia, simbolo di un’era spaziale oggi mossa da nuovi paradigmi e nuovi attori.
Era da Baikonur, in Kazakistan, e a bordo di una Sojuz russa, infatti, che aveva raggiunto la Iss per la missione Futura dell’Asi, 199 giorni, 16 ore e 42 minuti oltre l’atmosfera fra il 2014 e il 2015. Fu un record: la Expedition 42/43, di cui Futura era parte, avrebbe portato per la prima volta un’italiana in orbita e una donna europea a permanere nello spazio per una missione di lunga durata (dal 23 novembre 2014 all’11 giugno dell’anno successivo).
Da allora non poche cose sono cambiate, come testimonia anche l’ininterrotta attività di Cristoforetti dopo la sua prima missione: oltre a essere stata comandante della spedizione sottomarina di addestramento Neemo23, nel 2019, per anni l’astronauta ha infatti guidato l’iniziativa Spaceship Eac, un team di studenti e giovani professionisti dedicato allo sviluppo tecnologico per future missioni lunari. Oggi è rappresentante degli equipaggi Esa nel progetto Lunar-Gateway, la futura stazione che da un’orbita cislunare sarà una tappa fondamentale non solo verso la Luna, ma anche per esplorazioni ben più lontane. E in tanti sensi diversi, ha sottolineato lei: “Ci sono due aspetti fondamentali delle nostre attività oltre l’atmosfera: da un lato superare i confini fisici, andando sempre più lontano. Dall’altro superare i limiti dell’accessibilità”.
Il riferimento, esplicito, è al bando per la selezione di nuovi astronauti europei che l’Esa ha reso pubblico qualche giorno fa, un reclutamento animato dalla volontà di ridurre il gender gap ed esteso a persone con disabilità fisica.
“Diventare un’astronauta è stato un sogno che si è avverato. Ricordo distintamente quando ricevetti la mail di conferma dall’Esa – momento peraltro descritto in Diario di un’apprendista astronauta  – , perché realizzai che, da eventualità molto improbabile, andare nello spazio mi sarebbe stato possibile. Ciò detto, lo spazio non può rimanere un’esperienza per pochi. Per questo proverò con tutto il mio impegno a supportare il Para-Astronaut Project. Proverò ad aiutare ad aprire questa nuova porta”.
The post Samantha Cristoforetti tornerà nello spazio nella primavera del 2022 appeared first on Wired.

Fonte: Wired

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi