Trump ha firmato l’obbligo alla vendita delle app cinesi TikTok e WeChat

Trump ha firmato l’obbligo alla vendita delle app cinesi TikTok e WeChat
7 Agosto 2020 – 12:03

(foto: Drew Angerer/Getty Images)Si inaspriscono ulteriormente le tensioni tra il presidente americano Donald Trump e la piattaforma social TikTok. L’inquilino della Casa Bianca ha infatti firmato un ordine esecutivo per imporre al colosso cinese ByteDance, che controlla il social netework dei video brevi, di vendere entro 45 giorni tutte le attività di TikTok negli Stati Uniti. Oltre quella data, ogni società o persona che continuerà ad avere rapporti economici con la piattaforma sarà passibile di sanzioni, avverte ancora Washington.
Il Senato aveva già approvato il divieto di usare TikTok, che conta nei soli Stati Uniti quasi 100 milioni di utenti attivi, ai dipendenti federali, e con la firma del nuovo ordine esecutivo quel divieto sarà esteso anche a livello commerciale. Inoltre, il presidente americano ha incluso nella nuova ordinanza anche l’app WeChat, piattaforma di messaggistica che conta oltre 3 milioni di utenti in tutto il paese ed è di proprietà del colosso tecnologico cinese Tencent.
La ragione di questi divieti è sempre la stessa: i rischi per la sicurezza nazionale potenzialmente rappresentati dalle app cinesi. Secondo le parole del segretario di Stato, Mike Pompeo, riportate da Repubblica, “con le compagnie madri basate in Cina, app come TikTok, WeChat e altre rappresentano importanti minacce ai dati personali dei cittadini americani”. Inoltre, sempre da quanto dichiarato da Pompeo, l’amministrazione Trump vorrebbe anche bloccare il download e l’installazione di app e programmi americani su telefono realizzati da aziende cinesi.
In questo nuovo clima di tensione continuano invece le trattative tra il colosso tecnologico Microsoft e l’azienda cinese ByteDance proprio sull’acquisto da parte della casa di Redmont di tutte le operazioni del social network TikTok negli Stati Uniti, in Canada, Australia e Nuova Zelanda così da garantirsi un posto primario nella concorrenza ad altre piattaforme. Microsoft, però, potrebbe essere interessata ad acquisire le operazioni della app anche negli altri mercati in cui è presente, tra cui Europa e India.
Proprio in Europa, tra l’altro, e precisamente in Irlanda, TikTok ha annunciato di voler aprire il suo nuovo data center per gestire tutti i dati dei suoi utenti nel Vecchio continente, e la compagnia si aspetta che il nuovo centro di raccolta e gestione dati possa essere attivo già a partire dal 2022.
Insomma, i contrasti tra la Casa Bianca e i colossi tecnologici cinesi continuano a essere al centro della campagna elettorale di Donald Trump, e da un punto di vista finanziario le nuove mosse del presidente americano hanno già provocato le prime ripercussioni in Borsa. Subito dopo la firma dell’ordine esecutivo, che entrerà in vigore dal prossimo 20 settembre, le azioni del gigante Tencent, un colosso da 200 miliardi di dollari di valore di mercato, hanno perso oltre il 4% sulla piazza di Hong Kong, trascinando al ribasso anche altre compagnie del settore tecnologico e frenando la corsa che ha portato il titolo a guadagnare il 43% dall’inizio dell’anno.
The post Trump ha firmato l’obbligo alla vendita delle app cinesi TikTok e WeChat appeared first on Wired.

Fonte: Wired

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi