I congiunti più strani delle serie tv

I congiunti più strani delle serie tv
12 Maggio 2020 – 18:03

Il 15 maggio si festeggia la Giornata internazionale della famiglia, dedicata ai nuclei famigliari in tutte le declinazioni contemporanee. Le relazioni, espresse nella quotidianità, tra padri, madri, figli e fratelli sono da sempre protagoniste della serialità e specialmente le sitcom americane hanno fatto delle dinamiche parentali il centro della narrazione di alcuni degli show più popolari e amati della storia della televisione come Casa Keaton, I Robinson, Genitori in blue jeans e così via. Il nuovo millennio ha testimoniato un’evoluzione, in questo senso, e sempre più spesso le famiglie protagoniste delle serie sono quelle più particolari – gli ambiziosi Lyon di Empire, gli scatenati Chance di Aiutami Hope!, i pittoreschi Huang di Fresh Off the Boat, gli stoici DiMeo di Speechless – e spesso disfunzionali – come i ricchi e anafettivi genitori e figli Revenge o Gossip Girl. Ecco alcune delle più famose famiglie “diverse” delle serie tv.
1. I Pritchett – Modern Family
https://www.youtube.com/watch?v=X0lRjbrH-L8
La famiglia moderna in tutte le sue declinazioni – e con tutte quelle che fino a poche decenni fa potevano essere considerate deviazioni dalla norma ma che oggi costituiscono i nuovi modelli parentali – si accomiata dai suoi spettatori con l’undicesima stagione, dal 15 maggio su Fox. Girata come un mockumentary, è la cronaca delle esistenze quotidiane di tre nuclei uniti da un autentico e profondo affetto: il primo è quello formato dalla famiglia di Jay Pritchett, sessantenne divorziato che si è risposato con la trentenne colombiana Gloria diventando il padre adottivo di Manny.
L’allegro e un po’ ingenuo Phil, genero di Jay, è il capofamiglia dei Dunphy, il nucleo in cui si riconoscono gli schemi della famiglia tradizionale, mentre l’impostato Mitchell, l’altro erede di Jay, forma con l’emotivo Cameron e con la figlia adottiva Lily il modello famigliare gay nonché il più vitale, imprevedibile e adorabile della serie.
2. I Gallagher – Shameless Usa
https://www.youtube.com/watch?v=8WhFwSy62xk

Una delle famiglie meno convenzionali della televisione, quella dei Gallagher, è addirittura “doppia”: ne esiste una versione britannica e una americana, protagonista del remake statunitense di Shameless che si protrae ormai da 10 stagioni illustrando gli espedienti più bizzarri e al limite (spesso oltre) della legalità per sbarcare il lunario di Frank e dei suoi figli. Il patriarca dei Gallagher è un uomo di mezza età disoccupato, ignorante e perennemente ubriaco che non ha mai esibito nessuna dote genitoriale. In mancanza della figura materna, fuggita da una situazione insostenibile, a fare da madre e sostegno economico di tutti è Fiona, la maggiore dei figli, saggia e pratica.
Completano questo nucleo familiare affollato Lip, intelligentissimo giovanotto amante delle droghe e l’insicuro e instabile Ian alle prese con un’omosessualità che fatica a processare; i fratelli più piccoli sono la scaltra Debbie, il teppista Carl e l’ultimo arrivato Liam. Forse, non sono in molti a riconoscere la propria famiglia in quella – criminale, sconclusionata e confusa – dei Gallagher, ma senz’altro non si può negare che, per quanto fuori dagli schemi, sia una vera famiglia in grado di affrontare con intraprendenza, spirito battagliero e ironia la quotidianità.
3. I Lannister – Game of Thrones

Quello dei Lannister è un modo davvero “diverso” di considerare la famiglia. Tutte le casate della saga di culto de Il trono di spade hanno un approccio al concetto di parentela stretta piuttosto fantasioso – basti pensare agli Arryn e al loro modo di manifestare il rapporto filiale, ai libertini Martell, agli psicopatici Bolton o ai crudeli Greyjoy –, ma nessuna di queste batte i Lannister, fieri sostenitori di un modello famigliare privo di qualsiasi punto in comune rispetto alla norma. Un padre avaro del sentimento d’amore verso i figli e addirittura sprezzante verso uno di loro, due gemelli incestuosi che producono svariati eredi, un fratello minore maltrattato e umiliato da tutti che sfoga la frustrazione tra alcol e prostitute. Quella di Cersei e Jaime vale più come storia d’amore poco ortodossa che come rapporto fraterno da imitare, mentre nessuno, davvero nessuno, vorrebbe come padre Tywin, meritevole di finire ammazzato dalla propria prole.
4. I Bluth – Arrested Development

La famiglia più disfunzionale del piccolo schermo è quella che tocca al povero Michael, vedovo serio e giudizioso, alle prese con i suoi parenti, i benestanti Bluth. Il padre fedifrago e imbroglione George e la madre ubriacona Lucille, infatti, hanno sfornato quattro figli uno più strano dell’altro, fra cui la sorella gemella di Michael, Lindsay, egocentrica a vacua e con un marito fobico e una figlia ribelle (che piace, un po’ troppo, all’ingenuo cugino George-Michael); l’irresistibile Gob, uomo grande grosso quanto irresponsabile e infantile desideroso di diventare un mago, e il cocco di mamma Buster, dalle tendenze gerontofile. Un vasto assortimento di idiosincrasie correda questa famiglia intrinscamente “diversa”.
5. Le Gilmore – Gilmore Girls, Una mamma per amica

Lorelai è la mamma che tutti avremmo voluto avere o che tutte avremmo voluto essere per i nostri figli. Spigliata, divertente, comprensiva, mentalmente aperta e giovan(il)e, ha avuto la sua erede, Rori, da teenager. Una madre che ascolta gli sfoghi sentimentali e si abbuffa di cibo spazzatura non poteva che avere una figlia seria e integerrima.
Studiosa e decisamente meno estroversa della madre, con lei costituisce un nucleo famigliare senza figure maschili efficiente e vivace. Intorno a loro gravitano i ricchissimi Emily e Richard, modelli di nonni perfetti ma di genitori (di Lorelai) severi e all’antica in aperto contrasto con lo stile educativo di lei rendendo la famiglia Gilmore ancora più particolare.
The post I congiunti più strani delle serie tv appeared first on Wired.

Fonte: Wired

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi