Deepfake: per la Polizia postale è la nuova frontiera del crimine digitale

Deepfake: per la Polizia postale è la nuova frontiera del crimine digitale
29 Ottobre 2019 – 20:27

Anche la Polizia postale ha riconosciuto i rischi insiti nelle tecniche di contraffazione dei video supportate dall’intelligenza artificiale, grazie alle quali è possibile far dire e fare a chiunque cose mai dette né fatte. La dimostrazione della pericolosità di questi fenomeni in Italia l’abbiamo avuta solo di recente, ma le tecnologie necessarie a produrre questi video stanno già diffondendosi rapidamente.Continua a leggere


Anche la Polizia postale ha riconosciuto i rischi insiti nelle tecniche di contraffazione dei video supportate dall’intelligenza artificiale, grazie alle quali è possibile far dire e fare a chiunque cose mai dette né fatte. La dimostrazione della pericolosità di questi fenomeni in Italia l’abbiamo avuta solo di recente, ma le tecnologie necessarie a produrre questi video stanno già diffondendosi rapidamente.
Continua a leggere

Fonte: Fanpage Tech

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi