C’è stato un incendio in un laboratorio di virus letali in Russia

C’è stato un incendio in un laboratorio di virus letali in Russia
17 September 2019 – 17:29

(foto: Getty Images)Lunedì è scoppiato un incendio nelle vicinanze di Novosibirsk, in Russia, negli spazi di Vektor, il Centro russo di ricerca statale di virologia e biotecnologia meglio noto per essere una delle uniche due strutture al mondo che ospitano il virus del vaiolo (l’altra si trova ad Atlanta, negli Stati Uniti).
Secondo l’agenzia di stampa russa Interfax, che ha diffuso la notizia, l’incendio sarebbe scoppiato per una fuoriuscita di gas durante alcuni lavori di ristrutturazione e avrebbe coinvolto un’area di circa 30 metri quadrati. Un operaio che stava lavorando nel cantiere è rimasto ferito ed è stato ricoverato in terapia intensiva per le ustioni riportate. Tutti gli altri sarebbero usciti illesi, grazie anche al rapido intervento dei vigili del fuoco.
C’è da preoccuparsi?
Vektor ha assicurato che la struttura non ha subito danni gravi e l’episodio non deve far temere, perché nella zona interessata dalle fiamme non si stavano facendo esperimenti su materiale biologico – motivo per cui si può escludere qualsiasi tipo di contaminazione. A calmare l’opinione pubblica ci ha pensato anche Nikolai Krasnikov, il sindaco di Koltsovo, la cittadina della Siberia dove si trova il centro.
Gli abitanti sono però preoccupat: la struttura, che è nata nel 1974 ed è stata a lungo un centro di ricerca russo sulle armi biologiche, contiene oltre al virus del vaiolo anche quello dell’Hiv e di altre malattie infettive come la febbre suina, l’epatite e l’ebola che ha causato più di diecimila morti in Africa. I virus servono al personale per studiare vaccini e trattamenti, ma nella storia del centro non sono mancati incidenti gravi: una scienziata che nel 2004 è morta dopo essersi accidentalmente punta con una siringa che conteneva il virus dell’ebola.
Inoltre, la Russia non è storicamente nuova a ridimensionare gli allarmi sulla salute pubblica. Basti pensare che tuttora sappiamo ben poco dell’esplosione di materiale radioattivo avvenuta poco più di un mese fa nella città di Arkhangelsk, che qualcuno aveva paragonato addirittura a una seconda Chernobyl. Nell’incidente sono morti 7 scienziati.
Science Alert scrive che la paura è comprensibile ma ingiustificata: il centro aveva infatti un livello di biosicurezza 4 – il massimo possibile – dato che ci lavorano solo persone con una formazione specifica, che indossano abiti protettivi, e sono state prese precauzioni per evitare la contaminazione con l’esterno. Inoltre, i virus non sopravvivono a lungo a temperature elevate come quelle che si possono raggiungere in caso di incendio.
 
The post C’è stato un incendio in un laboratorio di virus letali in Russia appeared first on Wired.

Fonte: Wired

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi