In Cina parte Star Market, il Nasdaq per startup e imprese tech

In Cina parte Star Market, il Nasdaq per startup e imprese tech
22 July 2019 – 11:38

La Borsa di Shanghai (Johannes Eisele/Afp/Getty Images)Da oggi, 22 luglio, anche la Cina avrà il suo Nasdaq, dove saranno quotate le compagnie tecnologiche del Paese asiatico. Star Market, questo il nome scelto per il nuovo listino, è l’indice borsistico che raccoglierà i titoli delle società innovative, e dove saranno convogliati gli investimenti nelle sempre più numerose startup cinesi che operano nel settore tech. Al momento sono già 25 le compagnie registrate, come riporta Cnbc, e ci sarebbero già oltre cento aziende che hanno presentato domanda di quotazione.
L’annuncio della creazione del nuovo indice era arrivata poco meno di un anno fa da parte del presidente cinese Xi Jinping per rendere la borsa di Shanghai più appetibile per società ora quotate altrove, soprattutto a New York e a Hong Kong. Secondo le stime, lo Star Market dovrebbe diventare ora il secondo mercato più importante al mondo dopo il Nasdaq per volume di scambi dedicati in particolare ad aziende tecnologiche.
Nel complesso, il listino è concepito come un progetto pilota per le compagnie tecnologiche, ed è guidato da alcune caratteristiche principali. Il nuovo indice è infatti creato per permettere alle compagnie di quotarsi anche prima di realizzare profitti, come accade già in molti dei recenti casi di società quotate negli Stati Uniti; consentirà delle modalità di quotazione più semplici per far sì che molte più società riescano a debuttare sul mercato azionario, e chiederà agli investitori individuali garanzie di almeno 72,655 dollari da investire nelle società e due anni di esperienza di trading.
E a poche ore dall’inizio delle contrattazioni i titoli delle società attualmente quotate hanno registrato guadagni per oltre il 160%, con un picco del 520% raggiunto dalla compagnia Anji Microelectronics, che si occupa della produzione di materiali per semiconduttori. Tra le altre aziende ci sono compagnie i cui prodotti spaziano dai microchip alle biotecnologie fino all’intelligenza artificiale, e in un Paese che vede nascere un unicorno ogni tre giorni è certo che non tarderanno ad arrivare investimenti sia nazionali sia internazionali.
Inoltre, 24 delle 25 società registrate sul nuovo indice si sono quotate per la prima volta e complessivamente tutte le compagnie presenti nel board sono state in grado di raccogliere all’incirca l’equivalente di 5,4 miliardi di dollari.
The post In Cina parte Star Market, il Nasdaq per startup e imprese tech appeared first on Wired.

Fonte: Wired

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi