Agritube, il sistema idroponico di Bloom per l’agricoltura circolare del futuro

Agritube, il sistema idroponico di Bloom per l’agricoltura circolare del futuro
12 Gennaio 2019 – 6:30

Si stima che, globalmente, il numero di persone denutrite oggi sia superiore a 800 milioni: un dato che è in progressivo aumento, e dipende da guerre, inquinamento dei terreni e crisi economiche, ma anche da una serie di fattori climatici che si manifestano anzitutto con la scarsità di fonti idriche.
Da questa consapevolezza, e dalla convinzione che il corretto utilizzo delle risorse e la riduzione degli sprechi siano componenti fondamentali per il progresso tecnologico e sociale, è nato Bloom Project. Startup innovativa con sede a Prato, in Toscana, Bloom vuole portare innovazione in campo agricolo in tutti gli angoli del mondo, investendo sulle risorse locali. Questa mission, insieme alle soluzioni tecniche sviluppate, ha portato Bloom a entrare tra le imprese rivoluzionarie che fanno parte di New Heroes, il progetto editoriale curato da Oscar di Montigny e realizzato in collaborazione con RedBull.com per far conoscere le storie imprenditoriali dei nuovi eroi del mondo del lavoro.
(Foto: Bloom Project)A raccontare Bloom, nel video prodotto da Francesco Maddaloni e Valerio Mammone, è Lorenzo Giorgi, ideatore del progetto e oggi direttore esecutivo. Ricerca scientifica, realizzazione di prototipi e sperimentazione di pratiche di agricoltura circolare sono le principali vie d’azione di Bloom, perseguite in una visione internazionale che possa coinvolgere tutti i continenti con ricadute sociali, economiche (sulle comunità locali) e ambientali. Insomma, per Bloom l’agricoltura deve essere sostenibile, inclusiva e solidale.
Nella pratica, la startup supporta l’avviamento di iniziative di micro-business in campo agricolo trasmettendo un know-how d’avanguardia alle comunità coinvolte, anche grazie alla condivisione di sistemi open source per lo sviluppo. Uno dei problemi tradizionalmente riscontrati presso le comunità rurali africane, come spiega Giorgi, è la difficoltà di far permeare l’innovazione agricola capillarmente sul territorio, in modo particolare in quelle aree più delicate come quelle che soffrono la penuria d’acqua.
Nella foto: Lorenzo GiorgiNon a caso, il primo prototipo progettato da Bloom è Agritube, un sistema semplificato di agricoltura idroponica fuori suolo che ha come finalità principale la sostenibilità economica del sistema agricolo, in un’ottica di economia circolare. Nella pratica, si tratta di un tubo – o meglio, di un insieme di tubi – che permettono di coltivare anche in condizioni di estrema scarsità d’acqua. Dove il terreno non è fertile, è inquinato o è troppo secco, Agritube rappresenta una soluzione a basso tenore tecnologico e facilmente scalabile, poiché molto meno costosa rispetto alle alternative presenti sul mercato.
La messa a punto del sistema Agritube, infatti, si discosta da tutta quella gamma di soluzioni idroponiche hi-tech che prevedono competenze tecniche e costi difficilmente compatibili con i contesti rurali. In queste situazioni, infatti, soluzioni produttive alternative e anti-convenzionali avrebbero l’effetto negativo di incrementare la vulnerabilità alimentare della popolazione.

Dal punto di vista ambientale, poi, si ha una riduzione degli sprechi e un risparmio di acqua del 90% rispetto all’agricoltura tradizionale in campo. E, in parallelo, la struttura geometrica e fisica dell’impianto di tubi favorisce l’accesso alle pratiche agricole anche alle persone disabili, che possono essere inserite all’interno di un sistema produttivo vero e proprio, andando oltre quelle attività di coltivazione puramente ludiche che normalmente vengono proposte.
Proprio per l’ambizione programmatica di riuscire a creare innovazione e trasferire conoscenza, da ormai un anno Bloom ha introdotto nel proprio flusso di lavoro una parte di ricerca scientifica accademica, svolta sotto forma di partnership con l’università di Padova. La collaborazione è, in particolare, con il Dafnae, il dipartimento di agronomia, animali, alimenti, risorse naturali e ambiente dell’ateneo veneto. Dopo la fase di ricerca, come spiega Giorgi, ora la tecnologia Agritube è pronta per essere installata in qualunque contesto.
The post Agritube, il sistema idroponico di Bloom per l’agricoltura circolare del futuro appeared first on Wired.

Fonte: Wired

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi