Coming Out Day, il ministero dell’Interno blocca l’iniziativa dei poliziotti Lgbt+

Coming Out Day, il ministero dell’Interno blocca l’iniziativa dei poliziotti Lgbt+
11 ottobre 2018 – 18:00

L’11 ottobre, ormai da trent’anni, si celebra a livello internazionale il Coming Out Day, ovvero una giornata di rivendicazione e orgoglio per quel particolare momento in cui le persone Lgbt+ rivelano il proprio orientamento o la propria identità sessuale al prossimo. In tutto il mondo vengono organizzate iniziative che promuovono l’accettazione e il sostegno alle persone in questo delicato momento di passaggio. In Italia, fra le altre cose, si è attivata anche Polis Aperta, l’associazione che raggruppa i componenti Lgbt+ delle forze di polizia e delle forze armate italiane e i loro sostenitori.

Proprio in questa giornata, infatti, è stata lanciata l’iniziativa Identità indivisa, con lo slogan “Se non mi nascondo lavoro meglio“, a sottolineare quanto sia importante per poliziotti e persone in divisa in generale poter manifestare apertamente la propria sessualità sul luogo di lavoro. “Dall’armadietto all’ufficio, la vita privata e pubblica si mischiano, foto o oggetti che raccontano la parte più felice di ogni operatore e lo accompagnano durante turni, a volte non facili“, si legge nel comunicato che accompagna la manifestazione che doveva espletarsi principalmente attraverso alcune immagini che rappresentano persone in uniforme colte in momenti privati di affetto e condivisione. Eppure, fa sapere l’associazione stessa, molte delle autorizzazioni ad utilizzare le immagini (“foto innocue e rispettose della Polizia di Stato“) sono state negate da parte del Ministero degli Interni.
I funzionari del Viminale, che hanno dato comunicazione del rifiuto via mail, autorizzando solo una delle tre immagini proposte, non hanno chiarito la motivazione. Un’occasione persa, secondo Gabriele Guglielmo, presidente di Polis Aperta, perché “sono le campagne sociali come questa che in tutta Europa hanno contribuito ad ampliare il rapporto fra la comunità Lgbt e le forze di polizia“. Inoltre si sottolinea il pericolo di alimentare il fenomeno dell’under reporting, ovvero la tendenza da parte degli stessi appartenenti alle forze dell’ordine di non denunciare atti di discriminazione o vere e proprie violenze per timore di un ambiente di lavoro comunque ritenuto ostile.
The post Coming Out Day, il ministero dell’Interno blocca l’iniziativa dei poliziotti Lgbt+ appeared first on Wired.

Fonte: Wired

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi