10 luoghi simbolo dello Stato d’Israele

10 luoghi simbolo dello Stato d’Israele
14 maggio 2018 – 15:00

Il 14 maggio 1978 il leader ebraico David Ben Gurion dichiarava la nascita dello Stato d’Israele. La storia che portò a quella proclamazione, così come le vicende di 70 anni di storia che condizionano ancora oggi i fragili equilibri di tutto il Medio Oriente, sono assai complesse.
Poche ore dopo questo storico evento, i paesi della Lega Araba dichiararono guerra alla nuova realtà geopolitica, che affondava le sue radici in un progetto nato diversi anni prima nelle cancellerie occidentali. Da quel momento, è stato un susseguirsi di guerre, morti e contese territoriali non ancora sopite, che si intrecciano a complesse vicende diplomatiche.
Proprio in occasione dei 70 anni dalla fondazione, gli Stati Uniti, mai così vicini all’alleato israeliano, hanno deciso di spostare la propria ambasciata da Tel Aviv – sede di tutta la diplomazia internazionale presente nel paese – a Gerusalemme, città santa per le tre religioni monoteiste e territorio conteso e altamente problematico.
Le proteste non si sono fatte attendere contro questo provvedimento dall’enorme impatto simbolico, che riconosce de facto Gerusalemme capitale d’Israele. La situazione rimane complessa, tanto che lo stato non è ancora oggi riconosciuto dall’intera comunità internazionale. Israele occupa un’area densa di storia e fascino che, al di là delle contese e delle delicate dinamiche geopolitiche, rimane di straordinario interesse culturale. Provate a dare un’occhiata alla nostra gallery qui in alto per scoprirne alcuni dei gioielli.
The post 10 luoghi simbolo dello Stato d’Israele appeared first on Wired.

Fonte: Wired

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi