Google vuole portare le risposte intelligenti in tutte le sue app

Google vuole portare le risposte intelligenti in tutte le sue app
15 febbraio 2018 – 15:45

(Foto: Flickr_Garry Knight)Chi usa spesso Gmail per gestire la propria posta probabilmente conosce già le smart reply, le risposte intelligenti che Google propone automaticamente sotto alle mail delle quali riesce ad afferrare il senso. Presto però potrebbe non essere il solo pubblico di Gmail a poterne usufruire: l’incubatore Area 120 interno a Google sta infatti lavorando a un sistema per portare lo stesso sistema all’interno delle app di messaggistica di Google e della concorrenza.
(Foto: Area 120)Le risposte intelligenti sono locuzioni di poche parole come “sì, grazie” o “a più tardi”, generate da algoritmi di intelligenza artificiale a partire da una scansione della mail appena ricevuta; sono dunque risposte sbrigative ma pertinenti, proposte sotto forma di pratico pulsante da premere in fondo alla mail appena letta e che tornano utili principalmente quando si è occupati ma dare un riscontro veloce a chi scrive è prioritario.
Col tempo le funzionalità delle risposte intelligenti si sono fatte più avanzate, e in alcuni casi possono ad esempio proporre di confermare richieste di appuntamenti dopo aver dato un’occhiata al calendario (sempre dopo aver ottenuto il permesso preliminare dall’utente).
Quel che in Area 120 stanno tentando di fare è incorporare quegli stessi algoritmi in un’app che sia in grado di farli lavorare in sintonia con altre piattaforme di messaggistica al di fuori di Gmail. Nella lista ci sono  Hangouts e Messaggi Android, ma anche software concorrente come Skype, Twitter e WhatsApp. L’app in questione si chiamerà Reply e offrirà le proprie funzionalità attraverso il menu delle notifiche di Android: sotto all’avviso del messaggio in arrivo, visualizzerà fino a tre bottoni con le risposte più pertinenti ideate dai suoi algoritmi.
L’idea è intrigante, ma Area 120 non è sotto il controllo diretto di Google e quindi potrebbe impiegare diverso tempo a diventare un prodotto fatto e finito. Posto dunque che non è chiaro quando Reply sarà resa disponibile, sappiamo che arriverà inizialmente su Android in una versione preliminare. Per provarla in anteprima appena pronta basta compilare questo modulo messo a disposizione dagli sviluppatori.
The post Google vuole portare le risposte intelligenti in tutte le sue app appeared first on Wired.

Fonte: Wired

[amazon_link asins=’B01ELJFWLW,B00W1KSK86,B01KOJJXOU,B00GQVANNG,B01L9KX5RY,B01CS8I4F4,B01LVXZRG9′ template=’ProductCarousel’ store=’bes0f83-21′ marketplace=’IT’ link_id=’69852c15-3da6-11e7-9720-af0c4e579fbb’]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi