L’Antitrust scova regole “vessatorie” nel contratto di Pokémon Go

L’Antitrust scova regole “vessatorie” nel contratto di Pokémon Go
30 agosto 2017 – 12:02

(Foto: Chesnot/Getty Images)La lettura – è innegabile – rientra tra quelle che conciliano il sonno. Tuttavia, a scorrere i termini d’uso della app Pokémon Go, si scopre che se un utente ha problemi con la società che ha sviluppato il gioco, Niantic, dovrà affidarsi alle leggi della California. O che “i servizi e il contenuto” del programma per cacciare Pikachu e compagni “sono forniti ‘come sono‘ senza garanzie di alcun tipo”. O ancora, che Niantic si arroga il diritto di “sospendere o chiudere l’account” “senza preavviso” dell’utente, che non “riceverà rimborsi o resi, per tutti gli oggetti di scambio, il denaro virtuale o i beni virtuali persi a causa di tale annullamento, sospensione o cessazione”.
Queste sono alcune delle regole del contratto di Pokémon Go che l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) ha bollato come “vessatorie”. Nel gergo del diritto dei consumatori, con questa definizione si intendono clausole che generano tra chi offre un prodotto o un servizio e chi ne usufruisce uno squilibrio dannoso per il secondo. In alcuni punti dei termini d’uso della popolare app, Niantic si riserva diritti e poteri smisurati rispetto a quelli dei suoi cacciatori di Pokémon. Per questo l’Antitrust ha preso provvedimenti contro la società californiana.
Sono tre le condizioni contrattuali finite nel mirino dell’Antitrust. Riguardano la responsabilità dell’azienda, la cessazione del servizio e processi e leggi ammessi per risolvere le controversie tra Niantic e gli utenti.
Secondo l’Agcm, i termini d’uso “prevedono esclusioni di garanzia e limitazioni di responsabilità in capo a Niantic molto ampie e generiche”. Di fatto, la società “declina, in particolare, ogni responsabilità derivante dall’utilizzo dell’applicazione e dei servizi”, anche nel caso di un “cattivo funzionamento della piattaforma”. Nei meandri del contratto Pokémon Go rivendica il diritto di non rispondere di un danno all’utente, persino qualora è causato da un problema di cui l’azienda è responsabile, di cui è a conoscenza e su cui potrebbe intervenire per tempo.
Gli sviluppatori si riservano “una discrezionalità molto ampia” anche nella cessazione o nella sospensione degli account, “non consentendo altresì all’utente di conoscere le ragioni”. La clausola che permette a Niantic di non rimborsare le somme versate “determina a carico del consumatore un significativo squilibrio”, scrive l’Antitrust.
Infine c’è la questione dei tribunali. Niantic ha messo nero su bianco che, di norma, le cause si risolvono con un arbitrato e che l’utente rinuncia a un processo. Altrimenti, se vuole andare davanti a un giudice, il giocatore deve comunicarlo all’azienda entro un mese, ma, in tal caso, gli unici tribunali ad avere diritto di parola nelle cause contro Niantic sono le corti federali e statali del distretto nord della California.
Il contratto di Pokémon Go è finito sotto la lente dell’Antitrust all’inizio dell’anno, dopo la denuncia dell’associazione dei consumatori Udicon. Niantic si è difesa spiegando che i termini d’uso sono uguali in tutto il mondo. Inoltre, il fatto che la app è gratuita bilancia gli oneri sulle spalle dei giocatori. Ma per l’Antitrust l’argomentazione non regge: i dati sugli utenti raccolti attraverso il gioco, infatti, hanno un valore economico che arricchisce l’azienda.
A fine giugno Niantic ha tentato di anticipare l’Agcm, proponendo una versione spuntata del suo contratto che elimina le clausole vessatorie e accoglie le osservazioni delle associazioni dei consumatori. Per l’Autorità la nuova versione del contratto rientra nell’alveo del diritto italiano. Tuttavia i termini d’uso ancora presenti sul sito di Pokémon Go sono quelli contestati. Ora Niantic ha un mese di tempo per pubblicare sul suo sito il provvedimento dell’Antitrust, in modo che tutti gli utenti possano riconoscere le postille vessatorie prima che sia attivato il nuovo regolamento.
The post L’Antitrust scova regole “vessatorie” nel contratto di Pokémon Go appeared first on Wired.

Fonte: Wired

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di BestAll. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi